+ All Categories
Home > Documents > SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis...

SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis...

Date post: 01-May-2015
Category:
Upload: crocifissa-raimondi
View: 212 times
Download: 0 times
Share this document with a friend
of 50 /50
SAX & DOM Laurea Magistrale Laurea Magistrale in Informatica in Informatica Reti 2 (2005/06) Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis [email protected]
Transcript
Page 1: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM

Laurea Magistrale Laurea Magistrale in Informaticain Informatica

Reti 2 (2005/06)Reti 2 (2005/06)

dott. Francesco De [email protected]

Page 2: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 2

Agenda

Introduzione e confronto approcci SAX DOM

Page 3: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

Introduzione e confronto approcci

Page 4: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 4

Il parser

Il parser si occupa di: Recuperare il documento XML Caricare i dati in memoria Presentare all’applicazione un’interfaccia di alto livello (opzionalmente) fornire servizi di validazione (opzionalmente) fornire servizi di ricerca

XMLDTD

XML parser

Applicazione

XSD

Page 5: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 5

Approccio ad eventi

Il parser scandisce l’intero file Per ogni elemento informa l’applicazione tramite

la tecnica del callback

<libro titolo=“Corso di XML“> <autore>  <nome>Francesco</nome>   <cognome>De Angelis</cognome>  </autore> <autore>  <nome>Alberto</nome>   <cognome>Polzonetti</cognome>  </autore> <capitolo titolo=“SAX and DOM">...</capitolo> </libro>

XML Parser

Applicazione

libro autore nome…

t

Page 6: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 6

Approccio del modello

Il parser costruisce una struttura ad albero che rappresenta il documento

Fornisce all’applicazione delle API per navigarel’albero

<libro titolo=“Corso di XML“> <autore>  <nome>Francesco</nome>   <cognome>De Angelis</cognome>  </autore> <autore>  <nome>Alberto</nome>   <cognome>Polzonetti</cognome>  </autore> <capitolo titolo=“SAX and DOM">...</capitolo> </libro>

XML Parser

Applicazione

libro titolo=“…”

autore

nome

cognome

attr

Page 7: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 7

Confronto tra gli approcci

Approccio ad eventi Approccio del modello

Pro E’ molto “leggero”

Il programmatore può implementare solo le funzionalità necessarie

fornisce all’applicazione un modello ricco del documento

mantiene una rappresentazione completa e durevole in memoria

Contro Interfaccia troppo semplice = si richiede più codice nell’applicazione

Nessun supporto per operare sul documento

richiede una occupazione di memoria per tutto il documento

Page 8: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 8

JAXP

Java API for XML Processing (JAXP) Supporto standard di SUN per l’elaborazione di

XML Propone due standard per le due impostazioni:

SAX (Simple API for XML) ad eventi DOM (Document Object Model) basato su una

rappresentazione astratta in memoria

Page 9: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 9

Anche se si ritenesse DOM come la scelta migliore per la propria applicazione Java, capire SAX è importante per vari motivi: Il sistema di gestione degli errori del DOM è

“ereditato” da SAX Essendo SAX la prima API XML per Java, resta alla

base anche dell’implementazione DOM Le librerie Java usano SAX per leggere un file XML e

creare il DOM corrispondente!

SAX e DOM

Page 10: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

Simple API for XML

Page 11: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 11

Introduzione a SAX

SAX, o Simple API for XML, in origine è stata sviluppata come API per accedere ad XML con Java.

La homepage del progetto SAX (SourceForge) è http://www.saxproject.org/

Basa il suo sistema di parsing sugli eventi Inizio di un documento Apertura e chiusura di un elemento Apertura e chiusura di un blocco caratteri Ingresso ed uscita dallo scope di un namespace Caratteri, Process Instruction Fine del documento

Page 12: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 12

Utilità e Limiti di SAX

Il parser SAX non costruisce documenti XML, né conserva alcuna struttura in memoria alla fine del parsing. Se il programmatore vuole operare sul documento

letto, dovrà scrivere manualmente tutto il codice, basandosi sui dati passati con gli eventi SAX.

In generale SAX necessita di molto più codice di DOM, ma è molto più leggero. Il programmatore può implementare solo quello che è

strettamente utile, e non è necessario allocare il documento in memoria.

Page 13: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 13

Gestire gli Eventi SAX

Per ricevere le notifiche dal parser SAX, il codice deve registrare nel parser una classe org.xml.sax.DefaultHandler che implementa l’interfaccia org.xml.sax.ContentHandler

I vari metodi di questa interfaccia ricevono tutte le informazioni necessarie per trattare gli eventi. Ad esempio, il metodo startElement riceve il nome

dell’elemento e del suo namespace, nonché la lista degli attributi associati.

Page 14: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 14

Interface ContentHandler {void setDocumentLocator(Locator locator);void startDocument(); void startElement(String namespaceURI,String localName, String qName,

Attributes atts);void startPrefixMapping(String prefix, String uri);void characters(char[] ch, int start, int length);void endDocument(); void endElement(String namespaceURI,String localName, String qName);void endPrefixMapping(String prefix);void ignorableWhitespace(char[] ch, int start, int length);void processingInstruction(String target, String data);void skippedEntity(String name);

}

L’handler di SAX

Page 15: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 15

public class MyHandler extends DefaultHandler {public void startElement(String namespaceURI, String localName, String qualifiedName, Attributes att) throws SAXException {

System.out.println("startElement: " + qualifiedName);}

public void characters(char ch[], int start, int length) throws SAXException {System.out.println("characters " + start + " to " +

(start + length - 1) + ": " + new String(ch, start, length));} public void endElement(String namespaceURI, String localName,

String qualifiedName) throws SAXException {System.out.println(“endElement: /" + qualifiedName);

}}

La classe DefaultHandler implementa l’interfaccia permettendo all’applicazione di ridefinire (override) solo i metodi desiderati

L’handler di SAX

Page 16: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 16

public class SimpleSax {public static void main(String[] args) {

SAXParserFactory factory = SAXParserFactory.newInstance();factory.setValidating(true);SAXParser sxp;sxp = factory.newSAXParser();DefaultHandler handler = new SimpleHandler();sxp.parse(new

File("xml/articolo.xml").getAbsolutePath(),handler);}

}

Il client utilizza la classe di Factory per recuperare il parser Al parser viene chiesto di “parsare” il file come un processo

autonomo

Utilizzo dell’handler SAX

Page 17: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 17

Gestire gli Errori SAX

Gli errori generati dal parser SAX sono incapsulati in eccezioni che però non vengono mai sollevate.

Invece, le eccezioni vengono passate a un oggetto con interfaccia ErrorHandler registrato nel parser.

Se nessun oggetto di questo tipo viene specificato dal programmatore, gli errori di parsing non vengono segnalati!

Anche il DOM usa questo modello di errore!

Page 18: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 18

ErrorHandler

Interface ErrorHandler {void error(SAXParseException exception) void fatalError(SAXParseException exception) void warning(SAXParseException exception)

}

Class SAXParseException {int getColumnNumber() int getLineNumber() String getPublicId() String getSystemId()

}

La classe org.xml.sax.helpers.DefaultHandler fornisce una implementazione di default per ErrorHandler e altre interfacce utili per SAX

E’ possibile estendere questa classe per implementare più facilmente il proprio ErrorHandler

Page 19: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 19

SAX con JAXP

import javax.xml.parsers.SAXParserFactory;import javax.xml.parsers.SAXParser; import org.xml.sax.helpers.DefaultHandler;

SAXParserFactory factory = SAXParserFactory.newInstance();factory.setValidating(true);try {

SAXParser sxp = factory.newSAXParser();} catch (javax.xml.parsers.ParserConfigurationException) {}DefaultHandler handler = new DefaultHandler();try {

sxp.parse(filename,handler);} catch (java.io.IOException ioe) {} catch (org.xml.sax.SAXParseException spe) {} catch (org.xml.sax.SAXException se) {}

Page 20: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 20

SAX con Xerces

import org.apache.xerces.parsers.SAXParser;import org.xml.sax.helpers.DefaultHandler;

SAXParser sxp = new SAXParser();try {

sxp.setFeature( "http://xml.org/sax/features/validation", true );} catch (org.xml.sax.SAXNotRecognizedException ex ) {} catch (org.xml.sax.SAXNotSupportedException ex ) {}DefaultHandler handler = new DefaultHandler();sxp.setContentHandler(handler);sxp.setErrorHandler(handler);

try {sxp.parse(filename);

} catch (java.io.IOException ioe) {} catch (org.xml.sax.SAXParseException spe) {} catch (org.xml.sax.SAXException se) {}

Page 21: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

Document Object Model

Page 22: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 22

E’ un’API (Application Programming Interface) per documenti XML

Il DOM definisce una modalità di rappresentazione dei documenti XML accessibile da un linguaggio di programmazione, e le operazioni per la loro manipolazione

Definizione di DOM

Page 23: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 23

Definisce le operazioni necessarie per operare sulla rappresentazione intermedia Parsing di un file = caricamento della struttura Costruzione di un nuovo documento Browsing e navigazione Aggiungere, eliminare, modificare e spostare le

componenti Specifica le operazioni indipendentemente dal

linguaggio, esistono implementazioni di DOM in linguaggi differenti: Linguaggi server-side : java, C++, C# Linguaggi di script: VB-Script, JavaScript

Definizione di DOM

Page 24: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 24

Livello 0 : Funzionalità originali di Netscape / IE NON è una raccomandazione W3C

Livello 1 – Settembre 2000: Oggetti fondamentali per il modello DOM navigazione di un documento DOM e manipolazione del contenuto. Non completamente compatibile con il livello 0

Livello 2 – Novembre 2000: Namespace e validazione modello ad eventi per il controllo

Livello 3 - Working Draft Febbraio 2004 ...

La specifica attuale è al Livello 2, tuttavia alcune specifiche del Livello 3 sono già raccomandazioni del W3C.

I livelli di DOM

Page 25: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 25

DOM vede i documenti come una struttura gerarchica ad albero, composta da oggetti di tipo Node Ogni nodo può avere uno o più figli In realtà, la struttura è una “foresta” perché può anche

contenere più alberi distinti. Tuttavia, l’utente che accede al documento tramite

l’interfaccia DOM, lo vedrà effettivamente come un albero.

Il DOM definisce solo la vista logica: non specifica come debbano essere effettivamente strutturati in memoria.

La struttura di DOM

Page 26: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 26

I modelli a oggetti

Il DOM, come modello ad oggetti, definisce: Gli oggetti usati per rappresentare e manipolare un

documento XML. Le interfacce usate per interagire con gli oggetti

definiti. La semantica richiesta dagli oggetti e dalle interfacce

definite. Le relazioni e interazioni tra le interfacce e gli oggetti

definiti.

Page 27: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 27

La vista del DOM su XML

<song track="9"><artist>

<name>Santana</name> </artist>

<title>Corazon Espinado</title><comment>First Hit from the Album</comment><length>

<minutes>4</minutes><seconds>36</seconds>

</length></song>

<song>

<comment><artist> <title> <length>

<minutes> <seconds><name>

Santana

Corazon Espinado

First Hit from the Album

4 36

track=9

document

Page 28: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 28

import org.w3c.dom.*;import javax.xml.parsers.*;import org.xml.sax.*;

DocumentBuilderFactory factory = DocumentBuilderFactory.newInstance();DocumentBuilder builder = factory.newDocumentBuilder();Document doc = builder.parse("libro.xml");

Definizione DOM standardImplementazione

di JAXPDOM usa SAX

Il DOM di JAXP è definito nel package org.w3c.dom Fornisce un’interfaccia standard che si appoggia su

implementazioni differenti Sono disponibili implementazioni differenti (SUN, Apache,

Oracle) L’implementazione di SUN è in javax.xml.parsers

Caricamento di un DOM

Page 29: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 29

Element root = doc.getDocumentElement();System.out.println(root.getNodeName());

Estrazione del nodo radice e stampa del nome del nodo

Nodi figli

Attributi

NodeList children = root.getChildNodes();for (int i = 0; i < children.getLength(); i++) System.out.println(children.item(i).getNodeName);

NamedNodeMap map = root.getAttributes();for (int i = 0; i < map.getLength(); i++) System.out.println(map.item(i).getNodeName());

Navigazione di un DOM

Page 30: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 30

n.getNodeType() == n.ELEMENT_NODE

Tipizzazione tramite attributi di descrizione

Tipo di nodo nodeName nodeValue attributes

Element Nome del tag null NamedNodeMap

Attr Nome dell’attributo Valore dell’attributo null

Text “#text” Testo associato null

CDATASection “#cdata-section” Testo associato null

EntityReference Nome dell’entità null null

Entity Nome dell’entità null null

ProcessingInstruction Valore dell’attributo target Contenuto escluso l’attributo target null

Comment “#comment” Testo associato null

Document “#document” null null

DocumentType Nome del tipo di documento null null

DocumentFragment “#document-fragment” null null

Notation Nome della NOTATION null null

Tipizzazione

Page 31: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 31

Per default DOM è non validante

Una volta abilitata la validazione, questa avviene tramite il DTD Tuttavia è possibile utilizzare XSD associando il corrispettivo namespace

alla proprietà “http://java.sun.com/xml/jaxp/properties/schemaLanguage”

In maniera analoga è possibile abilitare la gestione dei namespace

factory.setValidating(true);

factory.setAttribute("http://java.sun.com/xml/jaxp/properties/schemaLanguage", "http://www.w3.org/2001/XMLSchema");

factory.setNamespaceAware(true);

Validazione e Namespace

Page 32: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 32

Eredita la gestione degli errori di SAX l’applicazione si “registra” come listener per li eventi che segnalano un

errore Tre tipi di errori: fatali, errori semplici, warning

class Handler implements ErrorHandler { public void fatalError(SAXParseException ex) throws SAXException { ex.printStackTrace(); } public void error(SAXParseException ex) throws SAXParseException { ex.printStackTrace(); throw ex; } public void warning(SAXParseException err) throws SAXParseException { System.out.println("** Warning" + err.getLineNumber() + err.getMessage()); }}

builder.setErrorHandler(new Handler());

Error Handling

Page 33: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 33

public static void print(Node n, String spaces) { if (n == null) return; if (n instanceof Element) { String s = spaces + n.getNodeName() + " ("; NamedNodeMap map = n.getAttributes(); if (map != null) for (int i = 0; i < map.getLength(); i++) s += map.item(i).getNodeName() + "=" + map.item(i).getNodeValue(); s += ")"; System.out.println(s); } else if (n instanceof Text) System.out.println(spaces + n.getNodeValue()); NodeList children = n.getChildNodes(); for (int i = 0; i < children.getLength(); i++) print(children.item(i), spaces + “ – “); }

Element root = doc.getDocumentElement();print(root, “”);

Browsing e stampa

Page 34: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 34

<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?><libro titolo=“Corso di XML"

xmlns:xsi="http://www.w3.org/2001/XMLSchema-instance"xmlns="http://www.elet.polimi.it"xsi:schemaLocation="http://www.elet.polimi.it libro4b.xsd">

<autore> <nome>Francesco</nome> <cognome>De Angelis</cognome> </autore> <autore> <nome>Alberto</nome> <cognome>Polzonetti</cognome> </autore> <capitolo titolo=“SAX and DOM">...</capitolo></libro>

XML in ingresso

Esempio

Page 35: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 35

libro ( titolo=Corso di XML xmlns=http://www.elet.polimi.it xmlns:xsi=http://www.w3.org/2001/XMLSchema-instance xsi:schemaLocation=http://www.elet.polimi.it libro3b.xsd) - autore () - - nome () - - - Francesco - - cognome () - - - De Angelis - autore () - - nome () - - - Alberto - - cognome () - - - Polzonetti- capitolo ( titolo=SAX and DOM) - - ...

Output

Esempio

Page 36: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 36

DOM permette di inserire nuovi elementi nell’albero

Element root = doc.getDocumentElement();Element cap = doc.createElement("capitolo");cap.setAttribute("titolo", "Introduzione");cap.appendChild(doc.createTextNode("... testo ..."));Node capitolo = doc.getElementsByTagNameNS("http://www.elet.polimi.it", "capitolo").item(0);root.insertBefore(cap, capitolo);doc.normalize();

Creazione del nodo

Creazione dell’attributo

Ricerca del primo capitolo presente

Inserimentonormalizzazione. Es: unisce

nodi di testo consecutivi

Modifica dell’albero

Page 37: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 37

Gli oggetti Node: la base del DOM

Il DOM presenta i documenti come una struttura gerarchica di oggetti di tipo Node.

Ciascun oggetto nel documento in realtà implementa una interfaccia più specifica per il suo tipo, che è sempre derivata da Node

I Node possono avere zero o più nodi figli L’interfaccia di Node include le operazioni di base

eseguibili su ogni tipo di oggetto (indipendentemente dal suo tipo specifico) in un documento XML

Page 38: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 38

Tipi di Nodo (nodeType)

I tipi specifici per i nodi sono identificati dalle costanti dell’interfaccia Node:

ELEMENT_NODE: il nodo è un elemento (= 1) ATTRIBUTE_NODE: il nodo è un attributo (= 2) TEXT_NODE: il nodo è del testo (= 3) CDATA_SECTION_NODE: il nodo è una sezione CDATA (= 4) ENTITY_REFERENCE_NODE: il nodo è un riferimento ad entità (= 5) ENTITY_NODE: il nodo è un’entità (= 6) PROCESSING_INSTRUCTION_NODE: il nodo è una PI (= 7) COMMENT_NODE: il nodo è un commento (= 8) DOCUMENT_NODE: il nodo è un documento (non la radice!) (= 9) DOCUMENT_TYPE_NODE: il nodo è un DOCTYPE (= 10) DOCUMENT_FRAGMENT_NODE: il nodo è un frammento (= 11) NOTATION_NODE: il nodo è una NOTATION (= 12)

Page 39: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 39

Interfaccia degli oggetti Node

interface Node {const unsigned short ELEMENT_NODE = 1; //…ed altre costanti di tipo...readonly attribute DOMString nodeName;attribute DOMString nodeValue;readonly attribute unsigned short nodeType;readonly attribute Node parentNode;readonly attribute NodeList childNodes;readonly attribute Node firstChild;readonly attribute Node lastChild;readonly attribute Node previousSibling;readonly attribute Node nextSibling;readonly attribute NamedNodeMap attributes;readonly attribute Document ownerDocument;Node insertBefore(in Node newChild,in Node refChild) raises(DOMException);Node replaceChild(in Node newChild, in Node oldChild) raises(DOMException);Node removeChild(in Node oldChild) raises(DOMException);Node appendChild(in Node newChild) raises(DOMException);boolean hasChildNodes();Node cloneNode(in boolean deep);

};

Page 40: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 40

Semantica dei Metodi di Node

Le funzioni di Node per la manipolazione dei nodi figli sono appendChild, removeChild, replaceChild, insertBefore.

La legalità di ciascuno di questi metodi dipende dal tipo effettivo del nodo. Nel caso l’operazione non sia disponibile (ad esempio,

appendChild su un nodo Text), viene generata un’eccezione di tipo DOMException.

Page 41: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 41

Interfaccia Element

Il metodo getElementsByTagName restituisce i soli figli del nodo che siano elementi con uno specifico nome (filtra cioè i childNodes).

Il metodo normalize serve a fondere nodi Text adiacenti nel sottoalbero controllato dall’elemento.

interface Element {readonly attribute DOMString tagName;DOMString getAttribute(in DOMString name);void setAttribute(in DOMString name, in DOMString value) raises(DOMException);void removeAttribute(in DOMString name) raises(DOMException);Attr getAttributeNode(in DOMString name);Attr setAttributeNode(in Attr newAttr) raises(DOMException);Attr removeAttributeNode(in Attr oldAttr) raises(DOMException);NodeList getElementsByTagName(in DOMString name);void normalize();

};

Page 42: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 42

Interfaccia Attr

I valori per name e value sono accessibili anche attraverso i metodi getName e getValue dell’interfaccia Node

L’attributo specified è false se l’attributo non era presente nel documento, ma è stato inserito dal parser con il suo valore di default specificato nel DTD associato al documento stesso. In caso contrario, l’attributo è true

interface Attr {readonly attribute DOMString name;readonly attribute boolean specified;attribute DOMString value;

};

Page 43: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 43

NodeList e NamedNodeMap

interface NamedNodeMap {Node getNamedItem(in DOMString name);Node setNamedItem(in Node arg, in DOMString value) raises(DOMException);Node removeNamedItem(in DOMString name) raises(DOMException);Node item(in unsigned long index);readonly attribute unsigned long length;

};

interface NodeList {Node item(in unsigned long index);readonly attribute unsigned long length;

};

Le liste vengono restituite da vari metodi del DOM. La NamedNodeMap contiene elementi accessibili,

oltre che per indice (come in NodeList), anche attraverso il nome (l’attributo nodeName di Node).

Page 44: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 44

Interfaccia Document

interface Document {readonly attribute DocumentType doctype;readonly attribute DOMImplementation implementation;readonly attribute Element documentElement;Element createElement(in DOMString tagName) raises(DOMException);DocumentFragment createDocumentFragment();Text createTextNode(in DOMString data);Comment createComment(in DOMString data);CDATASection createCDATASection(in DOMString data) raises(DOMException);ProcessingInstruction createProcessingInstruction(in DOMString target,

in DOMString data) raises(DOMException);Attr createAttribute(in DOMString name) raises(DOMException);EntityReference createEntityReference(in DOMString name) raises(DOMException);NodeList getElementsByTagName(in DOMString tagname);

};

L’oggetto Document fornisce i metodi per creare i nodi che compongono il documento XML!

documentElement rappresenta l’elemento radice del documento.

Page 45: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 45

Il DOM con Java: JAXP

JAXP è un’API generica offerta da Java per manipolare il DOM.

In realtà, JAXP è un’interfaccia astratta che deve poggiarsi su una vera implementazione del DOM fornita da terze parti. E’ possibile usare anche direttamente

l’implementazione del DOM. Noi faremo riferimento al pacchetto Xerces

dell’Apache XML Project, di gran lunga il più diffuso e perfezionato.

Page 46: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 46

DOM con JAXP

JAXP è contenuta nel namespace javax.xml.parsers e javax.xml.transformer

import org.w3c.dom.Document;import org.w3c.dom.Element;import javax.xml.parsers.DocumentBuilderFactory;import javax.xml.parsers.DocumentBuilder;DocumentBuilderFactory factory = DocumentBuilderFactory.newInstance();try {

DocumentBuilder builder = factory.newDocumentBuilder();} catch (javax.xml.parsers.ParserConfigurationException) {}Document doc = builder.newDocument();Element root = doc.CreateElement(“HTML”);Element body = doc.CreateElement(“Body”);body.setAttribute(“bgcolor”,”red”);root.appendChild(body);doc.appendChild(root);

Page 47: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 47

Parsing XML con JAXP

Il controllo offerto dalle interfacce generiche JAXP è minore.

import javax.xml.parsers.DocumentBuilderFactory;import javax.xml.parsers.DocumentBuilder; import org.w3c.dom.Document;DocumentBuilderFactory factory = DocumentBuilderFactory.newInstance();factory.setValidating(true);factory.setNamespaceAware(true);try {

DocumentBuilder builder = factory.newDocumentBuilder();} catch (javax.xml.parsers.ParserConfigurationException) {}try {

Document doc = builder.parse(filename);} catch (java.io.IOException ioe) {} catch (org.xml.sax.SAXParseException spe) {} catch (org.xml.sax.SAXException se) {}

Page 48: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 48

DOM con Xerces

Gli elementi del DOM sono contenuti nel namespace org.w3c.xml

Tutte le interfacce sono implementate esattamente come richiesto dalla specifica sotto forma di interfacce Java.

import org.w3c.dom.Document;import org.w3c.dom.Element;import org.apache.xerces.dom.DocumentImpl;…Document doc = new DocumentImpl();Element root = doc.CreateElement(“HTML”);Element body = doc.CreateElement(“Body”);body.setAttribute(“bgcolor”,”red”);root.appendChild(body);doc.appendChild(root);

DocumentImpl è la classe che implementa l’interfaccia Document in xerces (non si può istanziare direttamente Document: è un’interfaccia!)

Page 49: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 49

Parsing XML con Xerces

Il parser DOM di Xerces è rapresentato dalla classe org.apache.xerces.parsers.DOMParser

import org.apache.xerces.parsers.DOMParser;import org.w3c.dom.Document;

DOMParser parser = new DOMParser();try {

parser.setFeature("http://xml.org/sax/features/validation", true);} catch (org.xml.sax.SAXNotRecognizedException ex ) {} catch (org.xml.sax.SAXNotSupportedException ex ) {}try {

parser.parse(filename);} catch (java.io.IOException ioe) {} catch (org.xml.sax.SAXParseException spe) {} catch (org.xml.sax.SAXException se) {}Document doc = parser.getDocument();

Page 50: SAX & DOM Laurea Magistrale in Informatica Reti 2 (2005/06) dott. Francesco De Angelis francesco.deangelis@unicam.it.

SAX & DOM 50

Riferimenti

Apache XML Project (xalan, xerces)http://xml.apache.org

Java JAXP Tutorialhttp://java.sun.com/webservices/jaxp/docs.html

SAXhttp://www.saxproject.org/

Specifiche DOM dal W3Chttp://www.w3.org/DOM/


Recommended