Home > Documents > The hospital of Cuneo (Italy) experience€¦ · Marco Bobbio former Director Departement...

The hospital of Cuneo (Italy) experience€¦ · Marco Bobbio former Director Departement...

Date post: 05-Apr-2020
Category:
Author: others
View: 0 times
Download: 0 times
Share this document with a friend
Embed Size (px)
of 28 /28
The hospital of Cuneo (Italy) experience Marco Bobbio former Director Departement Cardiology General Secretary of Slow Medicine
Transcript
  • The hospital of Cuneo (Italy) experienceMarco Bobbio

    former Director Departement CardiologyGeneral Secretary of Slow Medicine

  • Dr. Marco Bobbio

  • Santa Croce e Carle Hospital

  • Cuneo

    Geographic Location

  • The Hospital Santa Croce e Carle di Cuneo is a fully equipped tertiary hospital with 690

    beds, 400 physicians, 2000 employsThe clinical activity is grouped in 40 departments.Among others:o Heart surgeryo Neurosurgeryo Neonatal intensive careo Interventional radiology

    Structures

  • In 2003 it was decided to identify 3

    procedures at risk of

    inappropriateness in each

    department through a shared

    procedure of brain storming

    Within each department

    physicians were invited to

    collectively choose 3 procedures

    inappropriately prescribed.

    Purposes

  • o A steering committee including a young

    physician of each department was instituted.

    o In each department several meetings were

    organized to identify a list of inappropriate

    procedures that are usually prescribed during

    hospital stay of the patients.

    o The the top 3 most relevant procedures were

    chosen by consensus.

    Methods

  • After two months, 33 departments identified 96 procedures.

    o 63 diagnostic tests

    o 33 treatments

    7 were similar to the ones identified by the US Choosing Wisely Project.

    Methods

  • Azienda Ospedaliera

    S. Croce e Carle

    Cuneo

    “Fare di più non significa

    fare meglio”

    Le tre pratiche

    ad alto rischio

    di inappropriatezza

    nell’Azienda Ospedaliera

    S. Croce e Carle di Cuneo

    Aprile 2014

  • As far as we know this was the first project

    developed at a hospital level, since previously

    only scientific societies were involved at

    national levels.

    In this case physicians had to choose which

    procedure they should avoid

  • Main strengths

    o a bottom-up organization set up by a group of

    physicians and not by the director of the hospital

    o young physicians of each department involved in the

    steering committee

    o most of clinical departments participation

    o wide brainstorming involving the whole medical

    staff.

  • Do not request routine blood analysis when patients are admitted in the ward.

  • RESULTS

    year 2013 2014 difference

    Patients admitted 655 684 +29

    Number of blood tests 52.856 46.174 -6.682

    Number of blood tests per patient

    81 68 -13

  • Do not use iv gemeprost but oral misposotol after mifepristone for pharmacological miscarriage

  • RESULTS

    Before After Difference

    treatment Gemeprost (Cervidil)

    Misoprostolo (Cytotec)

    Numero of patients per month

    10 13 +3 cases per month

    Percentage of cases with surgical revision of uterus

    after treatment

    6.4% 3.6% - 2.8%

  • Risultati

    After 1 year in 2015 each department re-evaluated their procedures to verify whether they:

    o were clinically irrelevant o have already been reached o are unreachableo should be be partially modified to make them

    more effective

    Departments were also asked to identify methods to assess and measure processes and outcomes

  • Nurses’ procedures at risk of inappropriateness

    1. Do not perform mechanical bowl preparation for elective surgery

    2. Reduce the time of urinary catheter use3. Do not waste disposable sterile gloves adopting an

    appropriate hand hygiene4. Adopt an early oral feeding after cesarean delivery5. Do not place oral nutrition support without a definite

    plan of enteral nutrition.

  • Slow Hospital Net

  • 5 working groups

    o how to encourage appropriateness

    o how to build organization and implementation

    o how to share decisions with citizens and patients

    o how to empower citizens and patients

    o how organize quantitative and qualitative evaluation of the project

  • MAIN STRENGHTS

    - Bottom up campaign : enhancement of professionalism of physicians and of nurses –

    responsibility for the health of their patients – do no harm (not a rationing campaign)

    - Systemic view and complexity theory: shared vision – leverage effect – network –

    collaboration and co-creation

    - Partnership between HC professionals and patients/citizens

    - part of Slow Medicine: change of culture and of paradigm

    MAIN CHALLENGES

    - many physicians prescribe unnecessary tests and treatments as they are concerned about

    complaints and litigations (defensive medicine)

    - lack of training on communication with patients and families and on decision sharing both

    in medical schools and in subsequent education of physicians

    - financial rewards more focused on quantitative and financial results rather than on health

    outcomes – conflicting interests between public and private sector

    - the common message from the media to citizens is that new is always better as well as

    doing more

  • WORKSHOP

    Fare di più non significa fare meglio.Verso una rete di Ospedali Slow.

    Dove siamo e dove andremo

    FIGURE PROFESSIONALI

    DESTINATARI

    CREDITI FORMATIVI

    ATTESTATO ECM

    RESPONSABILI SCIENTIFICI

    DIRETTORE DEL CORSO

    SEGRETERIA ORGANIZZATIVA

    ISCRIZIONE

    Tutte le figure professionali

    Ospedali della rete Slow - Gruppo di regia e referenti società scientifiche del progetto ‘’Fare di più non significa fare meglio’’ - Aziende Sanitarie e Ospedaliere del Piemonte - Assessorati Sanità Regionali - Agenas - Iscritti Slow Medicine

    L’evento è accreditato ECM dal Provider Regionale N. 906 - ASO S. Croce e Carle di Cuneo per tutte le figure professionali ECM

    Si precisa che l’attestazione relativa ai crediti ECM sarà resa disponibile, entro due mesi dalla conclusione del corso, in forma digitale scaricabile dall’interessato (previo accertamento della presenza al 100% del monte ore previsto da programma e superamento della verifica finale), mediante accesso e registrazione al sito www.ecmpiemonte.it

    Dr. Marco BOBBIO già Direttore SC Cardiologia ASO S. Croce e Carle di Cuneo

    Dr. Giorgetta CAPPADirettore SC GeriatriaASO S. Croce e Carle di Cuneo

    Dr. Piergiorgio BENSODirettore Medico S.C. Organizzazione Sviluppo Risorse UmaneASO “S. Croce e Carle” di Cuneo

    Organizzazione Sviluppo Risorse UmaneASO “S. Croce e Carle” - CuneoTel. 0171/616373 - Fax 0171/616371E-mail: [email protected]

    La partecipazione è gratuita e dovrà essere effettuata mediante trasmissione della scheda debitamente compilata alla Segreteria Organizzativa. L’ammissione è subordinata al parere positivo dei Responsabili Scientifici.La sera dell’8 ottobre è prevista una cena sociale a cui possono aderire anche i partecipanti con onere a proprio carico previa prenotazione all’atto dell’iscrizione.

    A.S.O. “S.Croce e Carle”Cuneo

    ELENCO RELATORI E MODERATORIDr. BEDOGNI CorradoDirettore GeneraleASO S. Croce e Carle di Cuneo

    Dr. BOBBIO Marcogià Direttore SC Cardiologia ASO S. Croce e Carle di Cuneo

    Dr. BORTOLAN FrancescoDirettore S.C. Controllo di GestioneULSS 16 Padova

    Dr.ssa CAPPA GiorgettaDirettore S.C. Geriatria ASO S. Croce e Carle di Cuneo

    Dr. CLIVIO LucaDirettore sanitario p

    Dr. DOMENIGHETTI GianfrancoEconomista e Dottore in Scienze Sociali Professore titolare in Marketing Sociale e Comunicazione per la salute presso l`Università della Svizzera Italiana di Lugano

    Dr. GABUTTI LucaPrimario di medicina dell’Ospedale Regionale di Locarno eprofessore della Facoltà di Medicina dell’Università di Losanna

    Dr. GRILLI RobertoDirettore dell’Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale dell’Emilia-Romagna

    Dr. MOIRANO FulvioDirettore SanitàRegione Piemonte

    Dr.ssa QUADRINO SilvanaPsicologa, pedagogista, psicoterapeuta della famiglia, cofondatrice di Slow Medicine

    Dr.ssa VERNERO SandraCofondatore e segretario generale di Slow MedicineCoordinatrice del progetto ‘’Fare di più non significa fare meglio’’ - Torino

    resso l’EOC di Locarno

    Dr.ssa MOSCONI PaolaLaboratorio di ricerca sul coinvolgimentodei cittadini in sanità, IRCCS-Istituto di RicercheFarmacologiche Mario Negri, Milano

    Sig.ra ZIMMERMANN PaolaReferente delle organizzazioni dei pazienti per i temi sanitari della Federazione per il Sociale e la Sanità di Bolzano

    CUNEO8 - 9 Ottobre 2015

    SEDE DI SVOLGIMENTO

    Via A.Carle n. 25 Frazione Confreria 12100 (CN)

    Ospedale A.Carle

    (2° Piano - Locali Formazione)

    PROGRAMMA PRELIMINARE

  • PresentazioneL'ASO S. Croce e Carle di Cuneo ha posto tra i suoi obiettivi prioritari l'umanizzazione

    delle cure ed il perseguimento dell'appropriatezza clinica e organizzativa. Al

    raggiungimento di tali obiettivi può certamente contribuire il modello di cure proposto dal

    movimento “Slow Medicine” che nel 2012 ha lanciato in Italia con le Società Scientifiche il

    progetto “Fare di più non significa fare meglio”.? Lo scopo è quello di promuovere un uso

    appropriato delle risorse, individuando quelle prestazioni sanitarie inutili, e a? volte

    anche dannose per i malati, il cui peso economico rappresenta, secondo

    l'Organizzazione Mondiale della Sanità, tra il 20% ed il 40% della spesa

    sanitaria.? Questo Workshop è la prima occasione a livello nazionale per gli operatori e

    per le organizzazioni sanitarie di condividere programmi, percorsi, prospettive, partendo

    dal progetto aziendale, iniziato nel 2013 presso l'AO Santa Croce e Carle di Cuneo, che,

    articolato in fasi successive, prevede il coinvolgimento degli operatori sanitari

    (ospedalieri e territoriali), per individuare le pratiche a rischio di inappropriatezza,

    promuovendo nel contempo la cultura di un sistema di cure le cui scelte sono fondate sui

    principi di una medicina “sobria, rispettosa e giusta”. In questo percorso sono coinvolte

    anche le professioni sanitarie e le associazioni di cittadini e malati, per una consapevole

    partecipazione alle scelte di tutela della salute, in un'ottica di sostenibiltà del sistema

    sociosanitario.

    P R O G R A M M AGiovedì, 8 Ottobre

    15.00 - 15.10

    C. Bedogni (Cuneo)

    15.10 - 15.30Presentazione obiettivi del Corso

    e rilevazione aspettative dei partecipantiM. Bobbio (Torino)

    15.30 - 19.00Progetti degli Ospedali della rete:

    19.00 - 19.30Discussione

    Saluto del Direttore Generale

    l’attività svolta e le prospettiveG. Cappa (Cuneo)

    R. Novati (Aosta) - L. Clivio (Locarno)C. Mammana (Bergamo) - D. Scibetta (Padova) -

    G.Parca (Arezzo) - G. Montegrossi (Torino)

    SCHEDA DI ISCRIZIONEEvento

    Le schede compilate in modo poco leggibile o incomplete non saranno considerate valide.

    Nome…………….......................................……………....

    Cognome ……………………...........................................

    Codice Fiscale ................................................................

    Nato a ............................. Prov. ......... Il ...........................

    Residente in Via ………………..…….....……. n. …….......

    C.A.P. ………… Città ……………..…………....….…….....

    Qualifica ………………………….................….....…….....

    Disciplina di appartenenza. .. …………...........................

    Ente/Ospedale……………......................…….................

    Struttura/Reparto……. ……………......................…........

    Telefono ………………................................…………......

    Cellulare ………..............................................………......

    E-mail ……….................................................……….......

    WORKSHOPFare di più non significa fare meglio.

    Verso una rete di Ospedali Slow.Dove siamo e dove andremo

    Cuneo, 8-9 Ottobre 2015

    SEDE DI SVOLGIMENTOOspedale A. Carle

    Via A. Carle n. 25 - Frazione Confreria (CN)(2° Piano - Locali Formazione)

    C E N A S O C I A L E

    intendo aderire alla cena programmata per la sera dell’8 ottobre 2015 ore 20.45

    (gli oneri, a carico del partecipante, saranno da liquidare direttamente al ristorante all’atto della partecipazione)

    � SI (barrare)

    � NO (barrare)

    Firma ................................... ............

    Venerdì, 9 Ottobre

    8.30 - 08.50

    S. Vernero (Torino)

    08.50 - 09.20 I problemi del "disinvestimento": una riflessione generale a partire

    da una esperienza in oncologia R. Grilli (Roma)

    09.20 - 09.40 L'appropriatezza nel programma della Regione Piemonte

    F. Moirano (Cuneo)

    09.40 - 10.00

    10.00 - 13.00

    13.00 - 14.00

    14.00 - 15.30

    15.30 - 16.00

    S. Vernero (Roma) - M. Bobbio (Torino)

    Fare di più non significa fare meglio

    Sviluppare la consapevolezza sugli sprechi

    Gruppi di Lavoro:1. Motivare l'appropriatezza: individuazione e diffusione delle pratiche (Coordina M. Bobbio)

    2. Modalità organizzative di implementazione delle pratiche (Coordina S. Vernero)

    3. Relazione con il paziente/cittadino e decisioni condivise (Coordina S. Quadrino)

    4. Empowerment del cittadino - materiale informativo e formazione (Coordinano P. Mosconi, P. Zimmermann, G. Domenighetti)

    5. Indicatori - modalità di misurazione quantitative e qualitative (Coordinano L. Gabutti e/o L. Clivio e F. Bortolan)

    Lunch

    Relazione dei Coordinatori dei tavoli

    ConclusioniIl futuro della rete degli Ospedali Slow

    G. Cappa (Cuneo) -


Recommended